sabato 20 aprile 2013

Kurtos Kolac o Trdlo (Manicotto di Boemia)


Qualche giorno fa un mio amico, conoscendo la mia passione per la pasticceria, scrive su Facebook di aver assaggiato i Kurtos Kolac, dolci  buonissimi a forma di "missile"...e che io dovevo assolutamente cimentarmi!!
Ho fatto subito una ricerca su internet e ho scoperto essere un dolce diffuso in Romania, Bulgaria e Repubblica Ceca.
Passa ancora qualche giorno e la mia amica Alessandra del blog  Dolcemente inventando
  pubblica la ricetta dei Trdlo e  a me sembra esattamente la stessa cosa,  ci sentiamo e lei mi spiega che sono praticamente uguali, dolci diffusi nell'est europeo e che lei li aveva assaggiati a Praga.
Forte della sua ricetta e spiegazione, mi sono avventurata ed ora eccomi qui...con in cucina una fragranza di pane dolce appena sfornato, vaniglia e limone e un vassoio colmo di "missili".
Se penso che  sono andata a Praga e non li ho neanche visti mi viene male!! 
Forse non era stagione?


Ingredienti:

260 gr di farina 00

110 ml di latte
un uovo intero
un albume per spennellare
30 gr di burro
3 cucchiaini di zucchero
15 gr dilievito di birra fresco
scorza di limone
zucchero di canna q.b.
zucchero semolato q.b.
nocciole tritate 
mandorle tritate
l'interno di mezzo bacello di vaniglia

Procedimento:


Mescolate la farina e il latte, insieme allo lievito sminuzzato con lo zucchero, unite l'uovo, il burro fuso e la scorza di limone. Impastate bene fino a che l'impasto non sarà liscio e omogeneo.
Mettetelo in una ciotola e fatelo lievitare coperto con un canovaccio in un luogo tiepido per circa un ora.
Mescolate nel frattempo in un piatto grande gli zuccheri, le nocciole e le mandorle tritate e la vaniglia e mettete il composto da parte.
Trascorsa l'ora, l'impasto sarà raddoppiato di volume.
Stendetelo sul piano infarinato con l'aiuto di un mattarello e ricavate delle striscie larghe 2-3 cm e lunghe 40 cm.
Rivestite un vecchio mattarello che userete per la cottura con 3 giri di alluminio, lasciando una piccola parte scoperta in mezzo.  Per saperne di più cliccare qui
Avvolgete la prima striscia sulle superfici coperte con l'alluminio avendo cura di sovrapporre
l'impasto mano a mano che avvolgete sul mattarello.
Avvolgete ora anche l'altra striscia, finita questa operazione, spennellate con l'albume e poi fatelo passare nello zucchero aromatizzato.
Poggiate i manici del mattarello su una tortiera in modo che durante la cottura potrete girarlo.
Cuocete in forno 180° per circa 10-12 minuti. Procedete allo stesso modo per l'infornata successiva.
Quando saranno cotti, lasciate intiepidire, sfilate i dolci delicatamente e servite subito.


Dedico questo dolce a Maurizio perchè è grazie a lui se ora sono qui a scrivere di pasticceria sul mio blog. Grazie!!



Questa era solamente una prova, la prossima volta ti invito Maurizio!!!











12 commenti:

  1. Il profumo sta risalendo boschi e valli e già si comincia a sentira quassù... :)
    Complimenti!

    RispondiElimina
  2. ciao caterina, che onore mi fa vedere la mia ricetta sul tuo blog...che meraviglia, ti sono venuti davvero benissimo! grazie cara! ps. sul mio blog c'è una sezione dedicata alle mie ricette riprodotte da altri blogger, se hai piacere ti aggiungo alla lista mettendo il link, io ne sarei felice! fammi sapere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che bontà questi cannoli, devono essere una favola farciti da una mousse....sono veramente da copiare!! un saluro Manu.

      Elimina
    2. Hai detto bene..farciti da una mousse oppure panna..ma l'originale viene servito vuoto!! Noi potremmo apportare modifiche..ciao

      Elimina
  3. Ciao cara, piacere io mi chiamo Vanna,e sono felice di essere passata da te! trovo il tuo blog molto interessante e quindi mi sono unita, se ti va di venire da me mi fa molto piacere, a presto! http://ledeliziedivanna.blogspot.it/

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. ...me invece invitami alle prove così poi vedi se puoi invitare Maurizio! :-)
    (causa ignoranza ho cancellato il commento precedente che avevo lasciato perché non ero riconoscibile)

    RispondiElimina
  6. Va bene tutto...sapessi quante cose del genere faccio io!!
    io ti invito...sarebbe bello!! ciao

    RispondiElimina
  7. Mi piace!!! Che bella idea originale!

    RispondiElimina
  8. Que buenos con sus almendras.
    Un saludito

    RispondiElimina

Grazie per i vostri commenti, ma sopratutto grazie per avermi dedicato un pò del vostro tempo!